Soluzione Udito Logo
Seguici su Facebook

Sentire bene
tiene la mente in forma

Non basta scegliere l'apparecchio acustico più adatto
Affida il tuo udito a dei professionisti

TIPOLOGIE DI APPARECCHI ACUSTICI

Come scegliere

Apparecchi acustici

L’apparecchio acustico riceve i suoni attraverso un microfono, li converte in impulsi elettrici, amplifica tali impulsi e li riconverte in suoni trasmettendo il segnale attraverso un ricevitore al condotto uditivo.

L' Audioprotesista ti aiuterà a scegliere il dispositivo più adatto a te tenendo conto di diversi fattori come lo stile di vita, il modello, la tecnologia digitale o analogica, il controllo del volume automatico e manuale, la fisiologia dell'orecchio.

Apparecchi acustici pretimpanici (CIC)

Apparecchi acustici pretimpanici

Indicato per perdite medio-lievi, il CIC (Completely In the Canal) è il modello più piccolo. Si posiziona profondamente nel canale uditivo. Tecnologicamente avanzato, l’ apparecchio pretimpanico non è però dotato di bobina telefonica.

Ridotti problemi di rumore del vento e conversazioni telefoniche prive di disturbi. Permette di localizzare la direzione dei suoni. L’apparecchio ha un cordino per l’estrazione.

Apparecchi acustici endoauricolari (ITC)

Apparecchi acustici endoauricolari

Collocati nel canale uditivo, quindi molto discreti, gli ITC (In The Canal) sono ideali per perdite medio-lievi.
L’ endoauricolare è composto da una parte (il guscio) realizzata in base all’impronta dell’orecchio.

Inoltre l'ITC offre la possibilità di avere diversi programmi d’ascolto selezionabili.

Apparecchi acustici retroauricolari (BTE)

Apparecchi acustici retroauricolari

Gli apparecchi BTE (Behind The Ear) sono di diverse misure. La struttura principale va collocata dietro l’orecchio. L’ apparecchio acustico retroauricolare è a sua volta collegato a un peduncolo che va inserito nell’orecchio.

Gli apparecchi acustici retroauricolari coprono una vasta gamma di perdite uditive.

Binaurali

In caso di perdita uditiva a entrambe le orecchie, è bene ricorrere a due apparecchi acustici. Sentire con tutte e due le orecchie viene definita modalità “binaurale”, questa offre dei vantaggi:

  • Aiuta a localizzare da dove provengono i suoni
  • Si può distinguere più facilmente tra parlato e rumore
  • Lo stesso volume del suono sembra più alto di quando si ascolta con un orecchio solo.

Numerose ricerche hanno mostrato come un utente che indossa un solo apparecchio possa manifestare un peggioramento nella comprensione del parlato dalla parte dell’orecchio non protesizzato.

Share by: